Vista: deframmentare dalla linea di comando

25 05 2008

La deframmentazione in Vista é fin troppo trasparente all’utente, nel senso che non viene fornita nessuna indicazione rispetto al processo di frammentazione in corso nè, meno che meno, una rappresentazione grafica, come avveniva in XP. Inoltre non si può scegliere tra varie opzioni. L’aggiornamento a SP1 non ha modificato la situazione.

Usare i parametri di deframmentazione da linea di comando può in parte risolvere le limitazioni.
Aprire un’istanza prompt dei comandi(come amministratore). Digitare una linea di comando secondo sintassi e parametri descritti sotto.

Sintassi:

defrag -a [-v]
defrag [-r | -w] [-f] [-v]
defrag -c [-r | -w] [-f] [-v]

Parametri:

x: x é la lettera dell’unità da deframmentare.

-c Deframmenta tutti i volumi.

-a Esegue solamente l’analisi e non anche la deframmentazione.

-r Esegue una deframmentazione parziale.

-w Esegue la deframmentazione completa.

-f Forza la deframmentazione del volume, anche in caso di spazio insufficiente.

-v Usa la modalità dettagliata.

Esempio: defrag c: -a -v

Credit: Microsoft

Via|Vistablog.it

Annunci




Vista Visual Master:personalizzare Windows Vista

24 05 2008

Credit: italiaSW – Per personalizzare Vista di solito é necessario metter mano al registro e se vogliamo un tema personalizzato occorre utilizzare la uxtheme.dll patch. Operazioni lunghe e noiose e con qualche rischio per i poco esperti; potrebbe risultare utile quindi Vista Visual Master. E’ un software che ci agevolerà in tali azioni, evitando il registro di Windows e qualsiasi patch, ogni cambiamento è in perfetto stile punta e clicca e per eventuali modifiche al registro di Windows non occorerà un reboot poichè Vista Visual Master si occuperà autonomamente di riavviare Explorer.

Avere un software come Vista Visual Master è un must, è semplice, immediato ed è capibile da chiunque. Vista Visual Master ci eviterà di perdere tempo alla ricerca di trucchi sul registro di Windows Vista ed i cambiamenti sono nella maggior parte dei casi immediati, Vista Visual Master riavvierà anche Explorer e solo i cambiamenti “drastici” necessiteranno di un reboot.

Caratteristiche di Vista Visual Master

  • System Settings – Al suo interno decidiamo se andare a disabilitare la sidebar di Windows Vista, il salvataggio delle impostazioni del desktop, le freccie dalle icone ed i tooltips. In System Settings possiamo decidere anche quali link verranno messi nel desktop, la scelta è fra il PC, Panello di Controllo, Cartella Utente, Cestino, Rete e Internet Explorer.
  • Theme Patch – Chi pensava che solo Windows XP fosse patchabile sbagliava, Windows Vista è patchabilissimo con uxtheme.dll, concluso il reboot potremo adottare un “Tema Unofficial”.
  • Le icone di Sistema sono quelle con cui ci troviamo a “lottare” giornalmente, che fare se non ci piacciono ? Cambiarle ! Dalla sezione System Icons personalizziamo il look delle icone attingendo magari da un online repository.
  • Personalizzare le icone di sistema e rinunciare a quelle delle estensioni era impossibile, ecco quindi la sezione File Type Icons.
  • Se vogliamo un PC a nostra immagine e somiglianza è giunta l’ora d’adoperare la sezione Logon Picture, si tratta d’andare a personalizzare la schermata di login.
  • Abbiamo assemblato un PC ? La sezione OEM Information è quella che fa per noi e ci procurerà un pò di pubblicità.
  • Il Boot Screen Generator della sezione Boot Screen è auto esplicativo, personalizzeremo la schermata di Boot di Windows Vista.

Fonte|Blog Vista.it





Velocizzare Windows Vista

5 05 2008

Vista è stato criticato sopratutto per la sua lentezza e pesantezza, in modo particolare quando viene eseguito su hardware abbastanza recente da permettere l’interfaccia grafica 3D Aero, ma non abbastanza veloce da garantire delle prestazioni accettabili.

In fase di installazione, il nuovo S.O. della Microsoft Windows Vista calcola le prestazioni del nostro hardware e in base ai risultati decide se attivare o meno Aero che è molto avida di memoria. L’hardware minimo richiesto probabilmente è sottostimato, per cui consente di eseguire Aero, ma con delle prestazioni tutt’altro che entusiasmanti.

Se siete fra quelli che non hanno una scheda video di almeno 256/512 MB di memoria e almeno 2 GB di RAM e non siete molto contenti delle lunghe attese e delle lentezze del sistema, sappiate che basta rinunciare a qualche effetto grafico per velocizzare di un bel pò le prestazioni del vostro S.O.

Velocizzare Vista

Per apportare le modifiche basta andare nel Pannello di Controllo dal menù Start, entrare nell’area Sistema e manutenzione e da quì in Strumenti e informazioni sulle prestazioni del sistema, quindi selezionare Strumenti avanzati dalla colonna di sinistra e infine Modifica l’aspetto e le prestazioni di Windows.

Nella scheda Effetti visivi, come si vede nella figura, possiamo scegliere fra diverse opzioni:

  1. Scelta automatica impostazioni migliori
  2. Regola in modo da ottenere l’aspetto migliore
  3. Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori
  4. Personalizzata

La prima e la seconda opzione generalmente attivano tutte le funzioni dell’interfaccia grafica, mentre la terza le disattiva tutte dandoci un sistema decisamente più veloce ma nell’aspetto con un’interfaccia grafica grigia alla Windows 95/98.
Se l’aspetto grigio retrò non vi piace, potete provare ad attivare le seguenti caselle in modo da avere un’interfaccia grafica più gradevole:

  1. Mostra anteprime anzichè icone
  2. Utilizza ombreggiatura per le etichette delle icone sul desktop
  3. Mostra ombreggiatura del puntatore del mouse
  4. Utilizza stili di visualizzazione per finestre e pulsanti

Via|Vistablog